piazza 1

STATO DEI LUOGHI

Situata alle spalle di via Appia Nuova, tra via A. Baccarini e via C. Baronio, vie a inteso traffico di attraversamento, su piazza Scipione Ammirato confluiscono, viceversa, vie di quartiere come via P. Tola, via B. Varchi, via G. Capponi e via G. Manno.

La piazza, di forma rettangolare, è delimitata da edifici di varie altezze risalenti a periodi molto diversi tra loro; accanto al palazzo in stile umbertino, coesistono palazzine costruite negli anni ’30, ‘50 ed edifici di più recente edificazione. Questo aspetto, però non influisce troppo sull’immagine unitaria che la piazza comunque offre dovuta sia alla forma che alla presenza di 5 platani secolari che la caratterizzano.
La piazza è attualmente percorribile con le auto per il suo perimetro, mentre l’isola pedonale centrale rettangolare è pavimentata con asfalto e non presenta alcuna seduta.
Sulla piazza affacciano varie attività commerciali: un supermercato alimentare, un ferramenta, un concessionario di moto, una libreria, un Centro Assistenza Fiscale, una lavanderia, una pizzeria, un parrucchiere, un negozio di abbigliamento, un punto di assistenza idraulica, una farmacia e tre condomini.

Attualmente la piazza si presenta in uno stato di generale degrado: la pavimentazione è sconnessa nonostante i successivi rappezzi che altro non hanno fatto che aumentare i dislivelli e reso più difficile la percorribilità. Non essendo stata prevista una zona di rispetto intorno alle alberature, la pavimentazione è fortemente sollevata per la fuoriuscita delle radici, inoltre mancano le panchine, al punto che vengono utilizzate come seduta di fortuna le due prese d’aria dei locali interrati dell’Acea L’accesso alla ridotta zona pedonale è inoltre fortemente limitato dal parcheggio selvaggio che costituisce una sorta di barriera per i pedoni. L’area in oggetto, di complessivi MQ 2100 circa, si sviluppa per una lunghezza di ml 60 ed un profondità di ml 35.

 

piazzaDESCRIZIONE DELL’INTERVENTO DI PROGETTO

Il progetto si struttura su due connessioni incrociate: un viale in senso longitudinale ed un asse progettuale curvilineo che, tagliando in diagonale la piazza, viene ad intersecarsi con il primo. Si vengono a delimitare in tal modo due zone distinte: l’area centrale con una funzione di incontro e di gioco e la zona a verde a mediare la viabilità di via G. Capponi ed in parte, del tratto di strada che costeggia la piazza stessa.

Il viale collega il marciapiede della piazza che insiste su via G. Capponi, percorso di particolare transito pedonale di quartiere, al marciapiede opposto, prospiciente il civico n°4, edificio che presenta un rilievo architettonico. Il viale, che si sviluppa al centro dell’attuale doppia fila di platani, ha funzione di collegamento e sosta per la presenza di panchine protette dalla chioma degli alberi. La pavimentazione di tutta l’area pedonale sarà in basaltina, con ricorsi in travertino bocciardato.

L’asse progettuale, che incrocia il viale, è costituito da una linea curvilinea che, partendo dall’angolo del civico n°3, si snoda in direzione ovest est traversando diagonalmente tutta la piazza fino ad unirsi con quello del civico n°13 Tale asse assume una doppia funzione: contenimento dell’area a prato e di seduta. Nei punti di transito la ritroviamo come segno a terra, oppure, in corrispondenza dello spazio verde, sollevandosi di cm 50, diviene una lunga seduta limitrofa l’intero piazzale centrale. L’asse sarà in c.a. rivestito in granito.

L’area centrale, pavimentata con pietra da taglio, ha un’estensione tale da consentire attività libere ed è contornata da sedute di varia natura atte a permettere una sosta confortevole. Lungo il fronte del civico n°4 due aiuole trasversali, piantumate con essenze arbustive, delimiteranno l’area allo scopo di creare una barriera di protezione verso la strada carrabile. In asse con il viale è previsto il posizionamento di una fontanella.

La zona a verde delimitata un contenimento che la solleva dalla pavimentazione calpestabile e che diviene di volta in volta seduta esso stesso o supporto per le sedute a panchina. Situata intorno ai platani allo scopo di liberare il loro imponente apparato radicale dalla costrizione dell’asfalto si estende complessivamente per circa mq 320. Il prato, seminato, sarà un misto di gramigna, festuca e dicondra resistente alla siccità e all’usura, ma anche a crescita lenta per ridurne al minimo il mantenimento. Verrà installato un sistema di irrigazione sfruttando l’accumulo dell’acqua dispersa dalla fontanella. Nuovi alberi integreranno e sostituiranno le poche e rovinate robinie presenti sulla piazza. È prevista l’installazione di una fontanella

Un secondo asse di percorrenza viaggerà parallelamente a via G. Capponi collegandosi all’attuale marciapiede di grande flusso pedonale dal mercato dell’Alberone verso piazza L.Papi.

Ridistribuzione dei parcheggi.
Allo scopo di razionalizzare la viabilità intorno alla piazza si prevede la realizzazione di sensi unici in via P. Tola ( da via P.Paruta alla piazza) e via B. Varchi ( da via A. degli Effetti-Cracas alla piazza), che, sommandonsi a quello di via G. Capponi già esistente, consentirebbero la creazione di una diffusa rete di parcheggi a spina sulle strade citate, con il risultato di mantenere il numero complessivo dei parcheggi e contemporaneamente offrire ai pedoni la possibilità di usufruire di un congruo spazio libero dalla circolazione veicolare. In dettaglio questi tratti di via P.Tola e via B.Varchi avranno una sezione stradale di ml 3,80, delimitati da un parcheggio in linea di ml 1,80 e dal lato opposto da parcheggi a spina di ml 4,40 di profondità.

Percorsi per persone diversamente abili.
Particolare attenzione è stata dedicata per facilitare l’acceso e la percorribilità della piazza da tutte le strade limitrofe; i marciapiedi saranno provvisti di scivoli in corrispondenza ed in asse con gli attraversamenti pedonali, è prevista anche una rampa di accesso per i mezzi di servizio. Un percorso tattile per non vedenti, secondo il “sistema Loges”, consentirà l’orientamento ed indicherà l’asse principale di percorrenza della piazza e le possibili sedute.

Illuminazione.
L’impianto di illuminazione sarà completamente nuovo; considerando che attualmente la piazza usufruisce soltanto dell’illuminazione stradale, i nuovi lampioni verranno sistemati prevalentemente vicini alle soste e garantiranno una luce diffusa.
Verranno impiantati n°12 lampioni a palo di altezza 4 ml circa con un interasse compreso tra i 6 ed i 15 ml.
Si precisa che tutte le scelte progettuali riguardanti l’illuminazione pubblica si attengono alla Legge n°23 del 13/04/2000 relativa all’inquinamento luminoso, con la conseguente adozione di sorgenti di luce dotate di schermature o comunque dispositivi in grado di contenere o dirigere verso il basso il flusso luminoso e in ogni caso mantenere la potenza entro i valori stabiliti.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Go to Top
Template by JoomlaShine